Stökkva beint að efni

La guida di Martina

Martina

La guida di Martina

Visite turistiche ai Castelli Romani
La piccola Nemi, una delle località meno popolate della zona dei Castelli Romani, è un luogo incantevole, più volte premiato per la qualità della sua accoglienza al turista. Chi la visita è in cerca di un luogo a misura d'uomo, dove gustare autentici prodotti tipici noti in tutto il Centro Italia (come le sue fragole, protagoniste di una nota sagra) ma anche per le possibilità di escursioni e di trekking a contatto con la natura, senza dimenticare l'importanza delle rovine e delle più importanti testimonianze archeologiche. La maggiore attrazione, nonché il simbolo della cittadina, è sicuramente il Lago di Nemi, con il suo ecosistema unico e gli scenari di grande bellezza che è possibile godere dalle sue sponde e dalle alture dei Castelli Romani. Nemi ha però molto da offrire anche per quanto riguarda l'interesse storico-artistico, e un itinerario alla sua scoperta può riguardare i suoi interessanti resti archeologici, a partire dal tempio di Diana Aricina o Nemorense (la cui maggior parte è ancora da riportare alla luce, ma che in origine contava su una superficie più di 5.000 metri quadrati), passando per l'emissario artificiale del lago di Nemi, costruito nel V secolo avanti Cristo e oggi interamente visitabile, vero capolavoro dell'architettura antica per precisione e attenzione ai dettagli, fino alla villa di Cesare. Il tutto concludendo la visita con il Museo della Navi Romane, che custodisce gli scafi delle imbarcazioni estratte dalle acque. Oppure ci si può dedicare alla scoperta di Nemi da un punto di vista naturalistico, e anche qui le opportunità non mancano, grazie al Parco regionale dei Castelli Romani e al vicino lago. Da vedere c'è anche Palazzo Ruspoli, uno dei posti da sempre più visitati di Nemi, capace di dominare ancora oggi, così come nel decimo secolo quando venne costruito, il profilo della cittadina. Essendo una piccola città, Nemi non ha molti luoghi deputati allo shopping, anche se le occasioni non mancano certo per chi vuole acquistare i prodotti tipici dell'enogastronomia tradizionale: su tutti, naturalmente, le tipiche fragole.
18
íbúar mæla með
Nemi
18
íbúar mæla með
La piccola Nemi, una delle località meno popolate della zona dei Castelli Romani, è un luogo incantevole, più volte premiato per la qualità della sua accoglienza al turista. Chi la visita è in cerca di un luogo a misura d'uomo, dove gustare autentici prodotti tipici noti in tutto il Centro Italia (come le sue fragole, protagoniste di una nota sagra) ma anche per le possibilità di escursioni e di trekking a contatto con la natura, senza dimenticare l'importanza delle rovine e delle più importanti testimonianze archeologiche. La maggiore attrazione, nonché il simbolo della cittadina, è sicuramente il Lago di Nemi, con il suo ecosistema unico e gli scenari di grande bellezza che è possibile godere dalle sue sponde e dalle alture dei Castelli Romani. Nemi ha però molto da offrire anche per quanto riguarda l'interesse storico-artistico, e un itinerario alla sua scoperta può riguardare i suoi interessanti resti archeologici, a partire dal tempio di Diana Aricina o Nemorense (la cui maggior parte è ancora da riportare alla luce, ma che in origine contava su una superficie più di 5.000 metri quadrati), passando per l'emissario artificiale del lago di Nemi, costruito nel V secolo avanti Cristo e oggi interamente visitabile, vero capolavoro dell'architettura antica per precisione e attenzione ai dettagli, fino alla villa di Cesare. Il tutto concludendo la visita con il Museo della Navi Romane, che custodisce gli scafi delle imbarcazioni estratte dalle acque. Oppure ci si può dedicare alla scoperta di Nemi da un punto di vista naturalistico, e anche qui le opportunità non mancano, grazie al Parco regionale dei Castelli Romani e al vicino lago. Da vedere c'è anche Palazzo Ruspoli, uno dei posti da sempre più visitati di Nemi, capace di dominare ancora oggi, così come nel decimo secolo quando venne costruito, il profilo della cittadina. Essendo una piccola città, Nemi non ha molti luoghi deputati allo shopping, anche se le occasioni non mancano certo per chi vuole acquistare i prodotti tipici dell'enogastronomia tradizionale: su tutti, naturalmente, le tipiche fragole.
Castel Gandolfo è una famosa località dei Castelli Romani, ricca di attrazioni storiche e culturali e di bellezze naturali a cominciare dalla più evidente che è il lago Albano, situato proprio di fronte al bel borgo in posizione panoramica. Il motivo principale per cui va visitata è la sua importanza storica, i suoi monumenti e per il ventaglio di opzioni che i dintorni offrono, dalle passeggiate nelle località vicine fino alle escursioni intorno al lago di origine vulcanica. I simboli monumentali della città di Castel Gandolfo sono la Collegiata Pontificia di San Tommaso da Villanova (con i magnifici interni della collegiata che mostrano una cupola finemente lavorata e dipinta, un’architettura progettata dal Bernini nel secolo XVII) e il Palazzo Pontificio, il luogo dove i pontefici passano le vacanze estive, eretta nel XVII secolo e situata sulla piazza principale della città di Castel Gandolfo, Piazza della Libertà. Il centro storico di Castel Gandolfo come si potrà immaginare, è ricco di edifici di grande pregio e lunga tradizione storica, come ovviamente la residenza papale, non visitabile se non nella zona dei Giardini Vaticani. Questi giardini, detti anche “del Moro” situati alle spalle del palazzo Pontificio e si estendono per ben 30 ettari, e costruiti sui resti della villa romana di Domiziano. Particolarmente pregevole è il giardino Barberini
70
íbúar mæla með
Castel Gandolfo
70
íbúar mæla með
Castel Gandolfo è una famosa località dei Castelli Romani, ricca di attrazioni storiche e culturali e di bellezze naturali a cominciare dalla più evidente che è il lago Albano, situato proprio di fronte al bel borgo in posizione panoramica. Il motivo principale per cui va visitata è la sua importanza storica, i suoi monumenti e per il ventaglio di opzioni che i dintorni offrono, dalle passeggiate nelle località vicine fino alle escursioni intorno al lago di origine vulcanica. I simboli monumentali della città di Castel Gandolfo sono la Collegiata Pontificia di San Tommaso da Villanova (con i magnifici interni della collegiata che mostrano una cupola finemente lavorata e dipinta, un’architettura progettata dal Bernini nel secolo XVII) e il Palazzo Pontificio, il luogo dove i pontefici passano le vacanze estive, eretta nel XVII secolo e situata sulla piazza principale della città di Castel Gandolfo, Piazza della Libertà. Il centro storico di Castel Gandolfo come si potrà immaginare, è ricco di edifici di grande pregio e lunga tradizione storica, come ovviamente la residenza papale, non visitabile se non nella zona dei Giardini Vaticani. Questi giardini, detti anche “del Moro” situati alle spalle del palazzo Pontificio e si estendono per ben 30 ettari, e costruiti sui resti della villa romana di Domiziano. Particolarmente pregevole è il giardino Barberini
Tivoli è una città segnata dai paesaggi della campagna romana e caratterizzata dai grandi monumenti dell'antichità che possono essere visitati ancora oggi in un ambiente incontaminato. I sapori locali sono un'altra costante della visita a Tivoli, città molto apprezzata dagli antichi romani per le sue terme e la sua aria salubre. I monumenti e gli edifici storici sono davvero molti da vedere e risalgono a tutte le epoche. Il motivo principale per cui va visitata: la città di Tivoli ha un aspetto tutto particolare che è stato preservato nel tempo. La vostra gita a Tivoli sarà segnata dalla bellezza del paesaggio naturale dei dintorni tipici laziali. Le principali attrazioni risalgono all'epoca degli imperatori romani che qui costruirono numerose ville e templi. Ma anche il centro storico di stile medievale conserva in sé numerose sorprese da non perdere assolutamente. Tra i simboli della città di Tivoli troviamo la Villa Gregoriana, costituita dal verde parco e dalla maestosa cascata che si può ammirare dalla villa. Questo bene culturale è a pieno titolo il simbolo della città da secoli, insieme alla bellissima Villa d'Este. La Villa Gregoriana è posta nel centro abitato di Tivoli nei pressi della confluenza del fiume Aniene con la valle dell'Inferno. Si può quindi di certo immaginare quanto sia di forte impatto e di grande suggestione questo monumento. Un altro simbolo da cartolina della città di Tivoli è di sicuro il tempio di Vesta, situato nell'acropoli. I beni culturali custoditi nella città tiburtina sono praticamente innumerevoli e si può ben dire risalenti a ogni epoca storica conosciuta. A Tivoli si trovano decine di siti archeologici dall'epoca preistorica a quella romana. L'area che conserva la maggior parte dei resti del passato della città, è proprio l'acropoli che contiene numerosi tempi. Di epoca romana è la Villa Adriana, costruita dall'omonimo imperatore romano, e resta uno dei siti più visitati ed estesi. Tra i monumenti di epoca rinascimentale si trovano la magnifica Villa d'Este, la fortezza posta nel centro della città chiamata Rocca Pia e la già menzionata Villa Gregoriana. La Villa d'Este di Tivoli è considerata un capolavoro indiscusso del rinascimento italiano e patrimonio UNESCO dal 2011, per cui questa è una delle tappe obbligatorie durante la vostra visita a Tivoli.
29
íbúar mæla með
Tivoli
29
íbúar mæla með
Tivoli è una città segnata dai paesaggi della campagna romana e caratterizzata dai grandi monumenti dell'antichità che possono essere visitati ancora oggi in un ambiente incontaminato. I sapori locali sono un'altra costante della visita a Tivoli, città molto apprezzata dagli antichi romani per le sue terme e la sua aria salubre. I monumenti e gli edifici storici sono davvero molti da vedere e risalgono a tutte le epoche. Il motivo principale per cui va visitata: la città di Tivoli ha un aspetto tutto particolare che è stato preservato nel tempo. La vostra gita a Tivoli sarà segnata dalla bellezza del paesaggio naturale dei dintorni tipici laziali. Le principali attrazioni risalgono all'epoca degli imperatori romani che qui costruirono numerose ville e templi. Ma anche il centro storico di stile medievale conserva in sé numerose sorprese da non perdere assolutamente. Tra i simboli della città di Tivoli troviamo la Villa Gregoriana, costituita dal verde parco e dalla maestosa cascata che si può ammirare dalla villa. Questo bene culturale è a pieno titolo il simbolo della città da secoli, insieme alla bellissima Villa d'Este. La Villa Gregoriana è posta nel centro abitato di Tivoli nei pressi della confluenza del fiume Aniene con la valle dell'Inferno. Si può quindi di certo immaginare quanto sia di forte impatto e di grande suggestione questo monumento. Un altro simbolo da cartolina della città di Tivoli è di sicuro il tempio di Vesta, situato nell'acropoli. I beni culturali custoditi nella città tiburtina sono praticamente innumerevoli e si può ben dire risalenti a ogni epoca storica conosciuta. A Tivoli si trovano decine di siti archeologici dall'epoca preistorica a quella romana. L'area che conserva la maggior parte dei resti del passato della città, è proprio l'acropoli che contiene numerosi tempi. Di epoca romana è la Villa Adriana, costruita dall'omonimo imperatore romano, e resta uno dei siti più visitati ed estesi. Tra i monumenti di epoca rinascimentale si trovano la magnifica Villa d'Este, la fortezza posta nel centro della città chiamata Rocca Pia e la già menzionata Villa Gregoriana. La Villa d'Este di Tivoli è considerata un capolavoro indiscusso del rinascimento italiano e patrimonio UNESCO dal 2011, per cui questa è una delle tappe obbligatorie durante la vostra visita a Tivoli.
Visite turistiche ai Castelli Romani
Il territorio di Frascati appartiene alla storica zona dei Castelli Romani, nell'attuale territorio della Città metropolitana di Roma; peculiarmente, Frascati si trova sui Colli Albani (l'antico sistema vulcanico altrimenti detto proprio Vulcano Laziale) al di sotto del Monte Tuscolo, è attraversato dalla Via Tuscolana e offre una posizione quasi dominante e di prestigio rispetto a Roma. Cittadina da sempre particolarmente importante in particolar modo per le sue Ville Tuscolane nonché per la produzione dei vini locali altamente riconosciuti a livello nazionale e internazionale, Frascati è una delle città simbolo dei Castelli Romani, sotto il profilo storico e, al giorno d'oggi, per quello turistico e attrattivo, con numerosi monumenti e attrazioni. I ritrovamenti archeologici più antichi e degni di nota risalgono addirittura all’epoca romana; alcuni documenti relativi al Medioevo definiscono Frascati come un piccolo agglomerato urbano situato a metà strada tra la celebre Tusculum e l'Urbe. Fu proprio dopo la distruzione del Tusculum nel 1191 che la popolazione aumentò sensibilmente e la sede della diocesi passò da Tuscolo a Frascati. Venne chiamata con il nome di Tusculum fino al XII secolo, cambiando poi in Frascatiprobabilmente per l’uso frequente delle “frasche” come legname da parte dei cittadini del luogo. Fu feudo della nobile famiglia Colonna fino al 1798 quando divenne una Repubblica gemellata con quella di Roma. Durante la seconda guerra mondiale, la città venne bombardata più volte perdendo molti di quelli che erano i suoi monumenti e ville principali. Frascati negli anni è diventata sempre più una meta amata dai turisti, spesso è considerata anche la meta classica per la “gita fuori porta”, organizzata da coloro che vivono a Roma e che vengono a Frascati per rigenerarsi e condividere con la propria famiglia una giornata diversa. Ricca di aree naturali, a Frascati c’è molto verde, parchi, siti archeologici e un meraviglioso belvedere che soprattutto nelle belle giornate regala vedute mozzafiato su Roma e le zone prospicienti la Capitale. Frascati accoglie inoltre eventi di livello internazionale, come la Notte Europea della ricerca, la Settimana della Scienza e il Concorso Pianistico internazionale Mozart. Culturalmente cittadina molto attiva, a Frascati ci sono poi i Laboratori della Bottega artigianale e il Premio nazionale della Poesia. Durante la stagione estiva il centralissimo Viale Annibal Caro (detto anche Vialone) e Viale Vittorio Veneto, dove insiste la celeberrima "Passeggiata di Frascati" ospitano i mercatini notturni, con moltissimi banchi i quali vendono ogni tipo di cosa, dall’abbigliamento ai souvenir fino ai prodotti enogastronomici locali. Rinomata “Città del Vino", Frascati è un centro culturale di rilevanza europea per la presenza di diversi istituti di ricerca scientifica (ENEA, CNR, ESA, INFN). A fine giugno, presso Villa Torlonia, si tiene la rassegna artistica e teatrale di danza e musica chiamata Festival internazionale delle Ville Tuscolane, e che ospita svariati ospiti e nomi celebri.
35
íbúar mæla með
Frascati
35
íbúar mæla með
Il territorio di Frascati appartiene alla storica zona dei Castelli Romani, nell'attuale territorio della Città metropolitana di Roma; peculiarmente, Frascati si trova sui Colli Albani (l'antico sistema vulcanico altrimenti detto proprio Vulcano Laziale) al di sotto del Monte Tuscolo, è attraversato dalla Via Tuscolana e offre una posizione quasi dominante e di prestigio rispetto a Roma. Cittadina da sempre particolarmente importante in particolar modo per le sue Ville Tuscolane nonché per la produzione dei vini locali altamente riconosciuti a livello nazionale e internazionale, Frascati è una delle città simbolo dei Castelli Romani, sotto il profilo storico e, al giorno d'oggi, per quello turistico e attrattivo, con numerosi monumenti e attrazioni. I ritrovamenti archeologici più antichi e degni di nota risalgono addirittura all’epoca romana; alcuni documenti relativi al Medioevo definiscono Frascati come un piccolo agglomerato urbano situato a metà strada tra la celebre Tusculum e l'Urbe. Fu proprio dopo la distruzione del Tusculum nel 1191 che la popolazione aumentò sensibilmente e la sede della diocesi passò da Tuscolo a Frascati. Venne chiamata con il nome di Tusculum fino al XII secolo, cambiando poi in Frascatiprobabilmente per l’uso frequente delle “frasche” come legname da parte dei cittadini del luogo. Fu feudo della nobile famiglia Colonna fino al 1798 quando divenne una Repubblica gemellata con quella di Roma. Durante la seconda guerra mondiale, la città venne bombardata più volte perdendo molti di quelli che erano i suoi monumenti e ville principali. Frascati negli anni è diventata sempre più una meta amata dai turisti, spesso è considerata anche la meta classica per la “gita fuori porta”, organizzata da coloro che vivono a Roma e che vengono a Frascati per rigenerarsi e condividere con la propria famiglia una giornata diversa. Ricca di aree naturali, a Frascati c’è molto verde, parchi, siti archeologici e un meraviglioso belvedere che soprattutto nelle belle giornate regala vedute mozzafiato su Roma e le zone prospicienti la Capitale. Frascati accoglie inoltre eventi di livello internazionale, come la Notte Europea della ricerca, la Settimana della Scienza e il Concorso Pianistico internazionale Mozart. Culturalmente cittadina molto attiva, a Frascati ci sono poi i Laboratori della Bottega artigianale e il Premio nazionale della Poesia. Durante la stagione estiva il centralissimo Viale Annibal Caro (detto anche Vialone) e Viale Vittorio Veneto, dove insiste la celeberrima "Passeggiata di Frascati" ospitano i mercatini notturni, con moltissimi banchi i quali vendono ogni tipo di cosa, dall’abbigliamento ai souvenir fino ai prodotti enogastronomici locali. Rinomata “Città del Vino", Frascati è un centro culturale di rilevanza europea per la presenza di diversi istituti di ricerca scientifica (ENEA, CNR, ESA, INFN). A fine giugno, presso Villa Torlonia, si tiene la rassegna artistica e teatrale di danza e musica chiamata Festival internazionale delle Ville Tuscolane, e che ospita svariati ospiti e nomi celebri.