Stökkva beint að efni

Guida di Feltre - Guidebook for Feltre

Silvio

Guida di Feltre - Guidebook for Feltre

Parco e Natura - Parks & Nature
Il Parco si trova al limite meridionale dell'area dolomitica e rappresenta un settore delle Alpi Sud-orientali di notevolissimo e riconosciuto interesse ambientale, con un elevato grado di naturalità e un'ottima conservazione degli ecosistemi. Si sviluppa tra una quota minima di 412 m ed una massima di 2.565 m e per questo include una grande varietà di ambienti: dagli ambiti ripariali di fondo valle alle pareti rocciose di alta quota, passando attraverso boschi di latifoglie, foreste di conifere, arbusteti d'alta quota, praterie e macereti. Ovunque panorami strepitosi.
13
íbúar mæla með
National Park of the Belluno Dolomites
13
íbúar mæla með
Il Parco si trova al limite meridionale dell'area dolomitica e rappresenta un settore delle Alpi Sud-orientali di notevolissimo e riconosciuto interesse ambientale, con un elevato grado di naturalità e un'ottima conservazione degli ecosistemi. Si sviluppa tra una quota minima di 412 m ed una massima di 2.565 m e per questo include una grande varietà di ambienti: dagli ambiti ripariali di fondo valle alle pareti rocciose di alta quota, passando attraverso boschi di latifoglie, foreste di conifere, arbusteti d'alta quota, praterie e macereti. Ovunque panorami strepitosi.
L'ambiente è splendido ed affascinante. Numerose le risorgive e gli stagni d'acqua, residui dell'ultima grande glaciazione di 10.000 anni fa. Sono possibili facili passeggiate dove ammirare svariati ambienti naturali o rinaturalizzati, recinti di ripopolazione e cura di animali selvatici e domestici e vasche di allevamento di pesci fluviali per la ripopolazione. Vi sono grossi erbivori allo stato semi-selvatico o chiusi in appositi grandi recinti: cervi, camosci, caprioli, daini ecc. La vegetazione è rigogliosissima e prepotente. Numerosissimi gli uccelli osservabili dalle postazioni di birdwatching.
Natural Vincheto Celarda Reserve
L'ambiente è splendido ed affascinante. Numerose le risorgive e gli stagni d'acqua, residui dell'ultima grande glaciazione di 10.000 anni fa. Sono possibili facili passeggiate dove ammirare svariati ambienti naturali o rinaturalizzati, recinti di ripopolazione e cura di animali selvatici e domestici e vasche di allevamento di pesci fluviali per la ripopolazione. Vi sono grossi erbivori allo stato semi-selvatico o chiusi in appositi grandi recinti: cervi, camosci, caprioli, daini ecc. La vegetazione è rigogliosissima e prepotente. Numerosissimi gli uccelli osservabili dalle postazioni di birdwatching.
Dal rifugio, all'interno del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, si godono straordinari panorami sul gruppo del Cimonega da dove è possibile osservare branchi di camosci al pascolo. Consigliata la cucina di Daniele a base di prodotti locali.
Rifugio Boz
Dal rifugio, all'interno del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, si godono straordinari panorami sul gruppo del Cimonega da dove è possibile osservare branchi di camosci al pascolo. Consigliata la cucina di Daniele a base di prodotti locali.
Uno degli itinerari "classici" del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Panorami mozzafiato in un ambiente selvaggio dominato da una straordinaria natura.
rifugio Dal Piaz.
226 Località Servo
Uno degli itinerari "classici" del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Panorami mozzafiato in un ambiente selvaggio dominato da una straordinaria natura.
A quota 1296 metri, per chi non conosce questi luoghi sarà una scoperta travolgente! E' l'ambiente naturalistico pressoché integro, eppur curato e coltivato, a ridare speranza che non tutto è perduto di questo nostro sconosciuto territorio. Sono i panorami verso la Valbelluna e la conca feltrina con alle spalle tutte le Dolomiti Bellunesi, dalle Vette di Feltre al Sass de Mura al Pizzoc alla Schiara, a donare sensazioni di grandiosità e spazialità.
Malga Garda
A quota 1296 metri, per chi non conosce questi luoghi sarà una scoperta travolgente! E' l'ambiente naturalistico pressoché integro, eppur curato e coltivato, a ridare speranza che non tutto è perduto di questo nostro sconosciuto territorio. Sono i panorami verso la Valbelluna e la conca feltrina con alle spalle tutte le Dolomiti Bellunesi, dalle Vette di Feltre al Sass de Mura al Pizzoc alla Schiara, a donare sensazioni di grandiosità e spazialità.
A piedi il Grappa presenta una quantità ed una varietà di itinerari escursionistici davvero notevole e sorprendente. Le varie facciate della grande piramide hanno caratteristiche notevolmente diverse e la cuspide della vetta è certamente luogo dei grandi panorami. Se si soffre di claustrofobia e si desiderano orizzonti sconfinati, credo che nulla possa avvicinarsi a queste gobbe erbose battute dal vento e bruciate dal sole, teatro delle più aspre battaglie nell'ultima fase della prima guerra mondiale.
Monte Grappa
A piedi il Grappa presenta una quantità ed una varietà di itinerari escursionistici davvero notevole e sorprendente. Le varie facciate della grande piramide hanno caratteristiche notevolmente diverse e la cuspide della vetta è certamente luogo dei grandi panorami. Se si soffre di claustrofobia e si desiderano orizzonti sconfinati, credo che nulla possa avvicinarsi a queste gobbe erbose battute dal vento e bruciate dal sole, teatro delle più aspre battaglie nell'ultima fase della prima guerra mondiale.
Un facile sentiero conduce ad una sequenza di 15 profonde cavità scavate dalle acque del torrente Brentòn, che si getta da limpide cascatelle. Queste spettacolari marmitte di evorsione, situate nel cuore del Parco, stupiscono per la bellezza dei colori e la perfezione delle forme. Da visitare anche, nelle immediate vicinanze, il percorso attrezzato che porta alla terrazza sospesa sulla cascata della Soffia.
Cadini of Brenton
Un facile sentiero conduce ad una sequenza di 15 profonde cavità scavate dalle acque del torrente Brentòn, che si getta da limpide cascatelle. Queste spettacolari marmitte di evorsione, situate nel cuore del Parco, stupiscono per la bellezza dei colori e la perfezione delle forme. Da visitare anche, nelle immediate vicinanze, il percorso attrezzato che porta alla terrazza sospesa sulla cascata della Soffia.
Inserita nel meraviglioso ambiente del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, la Valle del Mis ospita l’omonimo lago artificiale, accessibile da sud dal comune di Sospirolo valicando una stretta gola sovrastata dai monti Sperone e Piz de Vedana. Entrati nella Valle del Mis si percorre una strada che costeggia il lago in tutta la sua lunghezza e che consente la visione delle vette dei Monti del Sole che vertiginose si stagliano sopra le acque.
7
íbúar mæla með
lago del Mis
7
íbúar mæla með
Inserita nel meraviglioso ambiente del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, la Valle del Mis ospita l’omonimo lago artificiale, accessibile da sud dal comune di Sospirolo valicando una stretta gola sovrastata dai monti Sperone e Piz de Vedana. Entrati nella Valle del Mis si percorre una strada che costeggia il lago in tutta la sua lunghezza e che consente la visione delle vette dei Monti del Sole che vertiginose si stagliano sopra le acque.
Il lago, dalla forma allungata e irregolare, si estende a sud-est di Arsiè, fino alla frazione di Rocca, un abitato che venne quasi totalmente sommerso con la creazione dell’invaso nel 1954. Sulla sponda opposta al borgo di Rocca d'Arsiè è possibile percorrere una stradina sterrata che attraversa delle bellissime insenature scavate nella variegata roccia sedimentaria ed attraversare un ponte sospeso su cavi d’acciaio.
Lago del Corlo
Il lago, dalla forma allungata e irregolare, si estende a sud-est di Arsiè, fino alla frazione di Rocca, un abitato che venne quasi totalmente sommerso con la creazione dell’invaso nel 1954. Sulla sponda opposta al borgo di Rocca d'Arsiè è possibile percorrere una stradina sterrata che attraversa delle bellissime insenature scavate nella variegata roccia sedimentaria ed attraversare un ponte sospeso su cavi d’acciaio.
Ristoranti e pizzerie - Food Scene
Il ristorante Panevin coccola i suoi clienti con qualità, raffinatezza e calore con una cucina tradizionale ma arricchita di sapori odierni, legata ai valori del passato e pronta a rispondere alle esigenze più raffinate.
Ristorante Panevin
17 Via Cart
Il ristorante Panevin coccola i suoi clienti con qualità, raffinatezza e calore con una cucina tradizionale ma arricchita di sapori odierni, legata ai valori del passato e pronta a rispondere alle esigenze più raffinate.
Con una strepitosa terrazza esterna con vista panoramica sulla Città di Feltre con le Vette Feltrine sullo sfondo, offre un menu ricco nel segno della tradizione culinaria italiana, per ritrovare tutto il gusto autentico di sapori antichi. Specialità di carne e, nel fine settimana, pesce con proposte tradizionali e creative, ampia scelta di vini e dolci fatti in casa.
Ristorante Pizzeria San Fermo
30 Via S. Fermo
Con una strepitosa terrazza esterna con vista panoramica sulla Città di Feltre con le Vette Feltrine sullo sfondo, offre un menu ricco nel segno della tradizione culinaria italiana, per ritrovare tutto il gusto autentico di sapori antichi. Specialità di carne e, nel fine settimana, pesce con proposte tradizionali e creative, ampia scelta di vini e dolci fatti in casa.
Nel centro storico di Feltre questa Osteria tipica offre menu particolari e gustosi in un ambiente molto easy e famigliare.
Crash Osteria
46 Via Paradiso
Nel centro storico di Feltre questa Osteria tipica offre menu particolari e gustosi in un ambiente molto easy e famigliare.
E' l'unica pizzeria della cittadella storica feltrina. Eliseo, il titolare, vi preparerà una pizza con ingredienti del territorio (e non solo...) in un piccolo ambiente informale.
Pizzeria "La Taverna Da Eliseo"
11 Via Lorenzo Luzzo
E' l'unica pizzeria della cittadella storica feltrina. Eliseo, il titolare, vi preparerà una pizza con ingredienti del territorio (e non solo...) in un piccolo ambiente informale.
L'esperienza e la grande professionalità dello chef - unitamente ad una politica dei prezzi molto competitiva - sono gli atout che attirano gli avventori e spesso li fanno ritornarnei. Tipico menu da trattoria. Una stella Michelin.
Ristorante Aurora
68 Via Giuseppe Garibaldi
L'esperienza e la grande professionalità dello chef - unitamente ad una politica dei prezzi molto competitiva - sono gli atout che attirano gli avventori e spesso li fanno ritornarnei. Tipico menu da trattoria. Una stella Michelin.
Un pasto al Bon Tajer è un'esperienza a 360 gradi. Ogni portata è realizzata con ingredienti naturali e stagionali prodotti dall'azienda agricola; un viaggio culinario tra la cultura e la tradizione del territorio bellunese. Tutto viene servito in uno stile rustico ma ricercato, usando materiali naturali come il legno, la pietra e antichi tessuti di canapa. L'azienda agrituristica comprende 23 ettari di terreno in cui viene allevato il bestiame e coltivati frutti e ortaggi che assicurano la provenienza di buona parte dei prodotti utilizzati nell'agriturismo e confezionati per la vendita. Un'esperienza veramente da provare.
Agriturismo Bon Tajer
112 Frazione Colderù
Un pasto al Bon Tajer è un'esperienza a 360 gradi. Ogni portata è realizzata con ingredienti naturali e stagionali prodotti dall'azienda agricola; un viaggio culinario tra la cultura e la tradizione del territorio bellunese. Tutto viene servito in uno stile rustico ma ricercato, usando materiali naturali come il legno, la pietra e antichi tessuti di canapa. L'azienda agrituristica comprende 23 ettari di terreno in cui viene allevato il bestiame e coltivati frutti e ortaggi che assicurano la provenienza di buona parte dei prodotti utilizzati nell'agriturismo e confezionati per la vendita. Un'esperienza veramente da provare.
...locale in cui la pizza non delude mai: dalle pizze tradizionali a quelle più innovative, ingredienti doc sempre freschi e particolari, pasta ottima. Doverosa la prenotazione, specialmente nel Week end.
Pizzeria La Noghera
13 Via Dante Alighieri
...locale in cui la pizza non delude mai: dalle pizze tradizionali a quelle più innovative, ingredienti doc sempre freschi e particolari, pasta ottima. Doverosa la prenotazione, specialmente nel Week end.
Aperitivi & Vita notturna - Drinks & Nightlife
Locale giovane, con buona musica, è anche internet café. Al Bandalarga trovi Ristorante, Birre Artigianali e Street Food. Aperto a pranzo con menù settimanale e la sera Hamburger, Piadine e Club Sandwiches.
Bandalarga
6 Via Luigi Basso
Locale giovane, con buona musica, è anche internet café. Al Bandalarga trovi Ristorante, Birre Artigianali e Street Food. Aperto a pranzo con menù settimanale e la sera Hamburger, Piadine e Club Sandwiches.
La velocità del servizio e la qualità dei piatti proposti fanno della Birreria Pedavena un posto davvero unico dove trascorrere i propri momenti di festa in allegria, ma anche una semplice cena. La Birreria Pedavena propone una svariata scelta di piatti tipici locali, dalle sfiziose fritture ai piatti della Tradizione Feltrina, dalle insalatone ai taglieri misti, infinite varianti di bruschette e i menù speciali dedicati ai bambini e ai vegetariani. Offre un menù “Gluten Free” dedicato ai nostri amici celiaci, da abbinare alla nuova Birra Premium Senza Glutine! La Birreria Pedavena propone ai propri clienti ogni anno un panorama eventi sempre diverso, divertente e adatto a tutti i gusti!
17
íbúar mæla með
La Birreria Pedavena
76 Via Vittorio Veneto
17
íbúar mæla með
La velocità del servizio e la qualità dei piatti proposti fanno della Birreria Pedavena un posto davvero unico dove trascorrere i propri momenti di festa in allegria, ma anche una semplice cena. La Birreria Pedavena propone una svariata scelta di piatti tipici locali, dalle sfiziose fritture ai piatti della Tradizione Feltrina, dalle insalatone ai taglieri misti, infinite varianti di bruschette e i menù speciali dedicati ai bambini e ai vegetariani. Offre un menù “Gluten Free” dedicato ai nostri amici celiaci, da abbinare alla nuova Birra Premium Senza Glutine! La Birreria Pedavena propone ai propri clienti ogni anno un panorama eventi sempre diverso, divertente e adatto a tutti i gusti!
Nella top 5 dei migliori bar d'Italia c'è un nome nuovo, quello dell'Enoteca Contemporanea di via XXXI Ottobre a Feltre (BL), che si è aggiudicata il posto nella guida 2018 del Gambero Rosso e, inoltre, questo mese è stata anche recensita nella rivista del più rinomato circolo dedicato all'universo enogastronomico. Il Gambero Rosso descrive l'Enoteca Contemporanea come un minuscolo gioiellino tutto da scoprire, particolare e intrigante che ha rotto gli schemi della tranquilla scena enogastronomica feltrina.
Enoteca Contemporanea
26 Via 31 Ottobre
Nella top 5 dei migliori bar d'Italia c'è un nome nuovo, quello dell'Enoteca Contemporanea di via XXXI Ottobre a Feltre (BL), che si è aggiudicata il posto nella guida 2018 del Gambero Rosso e, inoltre, questo mese è stata anche recensita nella rivista del più rinomato circolo dedicato all'universo enogastronomico. Il Gambero Rosso descrive l'Enoteca Contemporanea come un minuscolo gioiellino tutto da scoprire, particolare e intrigante che ha rotto gli schemi della tranquilla scena enogastronomica feltrina.
Arte & Cultura - Arts & Culture
Il tardo cinquecentesco palazzo Bovio – Cumano ospita un museo del ferro battuto unico al mondo, costituito per volontà del celebre maestro Carlo Rizzarda. La Galleria, oltre a più di 400 ferri forgiati, include una collezione d’arte moderna con dipinti e sculture di importanti artisti dei secoli XIX e XX, tra i quali Felice Casorati, Egon Schiele, Giovanni Fattori, Telemaco Signorini, Gaetano Previati, Guglielmo Ciardi, Eugéne Boudin, Carlo Carrà, Adolfo Wildt e Tancredi. La recente donazione della giornalista Liana Bortolon ha arricchito la raccolta con opere, fra gli altri, di Pablo Picasso, Marc Chagall, Massimo Campigli, Bruno Cassinari e Fiorenzo Tomea.
Gallery of Modern Art Carlo Rizzarda
23 Via Lorenzo Luzzo
Il tardo cinquecentesco palazzo Bovio – Cumano ospita un museo del ferro battuto unico al mondo, costituito per volontà del celebre maestro Carlo Rizzarda. La Galleria, oltre a più di 400 ferri forgiati, include una collezione d’arte moderna con dipinti e sculture di importanti artisti dei secoli XIX e XX, tra i quali Felice Casorati, Egon Schiele, Giovanni Fattori, Telemaco Signorini, Gaetano Previati, Guglielmo Ciardi, Eugéne Boudin, Carlo Carrà, Adolfo Wildt e Tancredi. La recente donazione della giornalista Liana Bortolon ha arricchito la raccolta con opere, fra gli altri, di Pablo Picasso, Marc Chagall, Massimo Campigli, Bruno Cassinari e Fiorenzo Tomea.
Il Museo Diocesano è situato all’interno dell’antico Vescovado di Feltre, nel cuore del centro storico. Fu edificato nella seconda metà del XIII secolo e più volte ristrutturato e ampliato in forme rinascimentali. Le sue sale custodiscono capolavori di pittura, scultura e oreficeria. Tra questi, dipinti di Jacopo Tintoretto, Luca Giordano, Sebastiano Ricci, opere dello scultore rinascimentale Francesco Terilli e del “Michelangelo del legno” Andrea Brustolon, il calice del diacono Orso del VI secolo, uno dei più antichi della cristianità, una Madonna del ’400 in alabastro, la croce post-bizantina in bosso del 1542 realizzata da un monaco del monte Athos.
Diocesan Museum
19 Via Paradiso
Il Museo Diocesano è situato all’interno dell’antico Vescovado di Feltre, nel cuore del centro storico. Fu edificato nella seconda metà del XIII secolo e più volte ristrutturato e ampliato in forme rinascimentali. Le sue sale custodiscono capolavori di pittura, scultura e oreficeria. Tra questi, dipinti di Jacopo Tintoretto, Luca Giordano, Sebastiano Ricci, opere dello scultore rinascimentale Francesco Terilli e del “Michelangelo del legno” Andrea Brustolon, il calice del diacono Orso del VI secolo, uno dei più antichi della cristianità, una Madonna del ’400 in alabastro, la croce post-bizantina in bosso del 1542 realizzata da un monaco del monte Athos.
Il Museo inaugurato nel 1928 conserva le testimonianze artistiche di alcuni dei più importanti artisti feltrini e non solo insieme ad una ricca sezione archeologica che narrano la storia antica di Feltre.
Museo Civico di Feltre - Palazzo Villabruna
23 Via Lorenzo Luzzo
Il Museo inaugurato nel 1928 conserva le testimonianze artistiche di alcuni dei più importanti artisti feltrini e non solo insieme ad una ricca sezione archeologica che narrano la storia antica di Feltre.
La Sala è situata al primo piano del Palazzo Pretorio, ricostruito dopo le distruzioni del 1509-1510, un tempo residenza privata del rettore veneziano e ora sede del Municipio. Deve il suo nome ai 45 stemmi gentilizi dei rettori che si succedettero dalla fine del ‘400 al ‘600. Sulla parete nord, oltre ai blasoni, compaiono le effigi dei Santi patroni Vittore e Corona e su quella ad est il leone di San Marco databile alla prima metà del XVII secolo. L’attuale aspetto dei dipinti murali si deve al restauro compiuto nel 1941 dal pittore Attilio Corsetti. Il soffitto ligneo policromo è cinquecentesco.
Sala degli Stemmi
La Sala è situata al primo piano del Palazzo Pretorio, ricostruito dopo le distruzioni del 1509-1510, un tempo residenza privata del rettore veneziano e ora sede del Municipio. Deve il suo nome ai 45 stemmi gentilizi dei rettori che si succedettero dalla fine del ‘400 al ‘600. Sulla parete nord, oltre ai blasoni, compaiono le effigi dei Santi patroni Vittore e Corona e su quella ad est il leone di San Marco databile alla prima metà del XVII secolo. L’attuale aspetto dei dipinti murali si deve al restauro compiuto nel 1941 dal pittore Attilio Corsetti. Il soffitto ligneo policromo è cinquecentesco.
Sullo sperone del Monte Miesna che tende a congiungersi all’opposto fianco del Monte Tomatico, quasi a chiudere la bella conca feltrina, sorge (a quota 344 l.m.) il complesso architettonico del Santuario e Convento dei Santi Martiri Vittore e Corona, Protettori dell’antica Città e Diocesi di Feltre. Il Santuario fu costruito “omogeneo e di getto datato dal 1096 al 1101” ed era parte integrante della cortina difensiva del territorio feltrino verso la pianura trevigiana.
Sanctuary of the Saints Vittore and Corona
19 Viale Ss. Mm. Vittore e Corona
Sullo sperone del Monte Miesna che tende a congiungersi all’opposto fianco del Monte Tomatico, quasi a chiudere la bella conca feltrina, sorge (a quota 344 l.m.) il complesso architettonico del Santuario e Convento dei Santi Martiri Vittore e Corona, Protettori dell’antica Città e Diocesi di Feltre. Il Santuario fu costruito “omogeneo e di getto datato dal 1096 al 1101” ed era parte integrante della cortina difensiva del territorio feltrino verso la pianura trevigiana.
Alle pendici sud del Colle delle Capre, si erge il Duomo con il suo Battistero. Sotto il sagrato si apre ai visitatori un’area archeologica di 1000 metri quadri, scavata dalla Soprintendenza Archeologica per il Veneto, che conserva le testimonianze delle fasi più antiche della vita della città: una porzione di un quartiere urbano del centro romano di Feltria.
Area Archeologica
5 Via Antonio Vecellio
Alle pendici sud del Colle delle Capre, si erge il Duomo con il suo Battistero. Sotto il sagrato si apre ai visitatori un’area archeologica di 1000 metri quadri, scavata dalla Soprintendenza Archeologica per il Veneto, che conserva le testimonianze delle fasi più antiche della vita della città: una porzione di un quartiere urbano del centro romano di Feltria.
Autonoleggio - Car rental
Per autonoleggio con conducente con pulmino 9 posti
Oltra Service Auto di Tollardo Silvana offre servizi di trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente. Ideale per famiglie o piccoli gruppi.
OLTRA SERVICE AUTO
46 Via Oltra
Oltra Service Auto di Tollardo Silvana offre servizi di trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente. Ideale per famiglie o piccoli gruppi.
Guida Turistica - Tourist guide
Per visitare la Provincia di Belluno con una Guida Turistica abilitata.
Isabella, oltre che essere il vostro host, è anche una Guida Turistica abilitata della Provincia di Belluno: con programmi di visite tematiche o generiche, vi farà scoprire il territorio feltrino e bellunese in modo semplice, approfondito ed... emozionante! I suoi temi preferiti sono l'archeologia e l'arte sacra. Fra le visite tematiche più interessanti ci sono "Dino Buzzati e la sua Valbelluna", "Vajont 1963: cronaca di una sciagura annunciata", "Le leggende dei Monti Pallidi e il Patrimonio Unesco"
Isabella Pilo Tour Guiding Services
2 Via Molan
Isabella, oltre che essere il vostro host, è anche una Guida Turistica abilitata della Provincia di Belluno: con programmi di visite tematiche o generiche, vi farà scoprire il territorio feltrino e bellunese in modo semplice, approfondito ed... emozionante! I suoi temi preferiti sono l'archeologia e l'arte sacra. Fra le visite tematiche più interessanti ci sono "Dino Buzzati e la sua Valbelluna", "Vajont 1963: cronaca di una sciagura annunciata", "Le leggende dei Monti Pallidi e il Patrimonio Unesco"
Servizi essenziali - Essentials
Una cooperativa nata per offrirti prodotti sicuri e genuini al giusto prezzo.
Coop
16 Viale Piave
Una cooperativa nata per offrirti prodotti sicuri e genuini al giusto prezzo.
Per soddisfare al meglio i Clienti, i nostri assortimenti prevedono migliaia di prodotti che variano da quelli delle grandi marche, note a livello nazionale, a quelli locali, ovvero alle tipicità dei singoli territori, e infine ai prodotti delle marche commerciali Selex, le “nostre marche”. Anche pizzeria da asporto.
Supermercato Famila Feltre - Pasquer
Per soddisfare al meglio i Clienti, i nostri assortimenti prevedono migliaia di prodotti che variano da quelli delle grandi marche, note a livello nazionale, a quelli locali, ovvero alle tipicità dei singoli territori, e infine ai prodotti delle marche commerciali Selex, le “nostre marche”. Anche pizzeria da asporto.
Una delle principali aziende italiane nel settore del fai da te. La nostra mission: una costante ricerca dei prodotti per garantire al cliente qualità a prezzi competitivi, idee e soluzioni per la casa, il giardino, l’auto, il tempo libero..."
Eurobrico Feltre
6 Via Zuecca
Una delle principali aziende italiane nel settore del fai da te. La nostra mission: una costante ricerca dei prodotti per garantire al cliente qualità a prezzi competitivi, idee e soluzioni per la casa, il giardino, l’auto, il tempo libero..."
Unieuro è oggi il maggiore distributore omnicanale di elettronica di consumo ed elettrodomestici in Italia, grazie a una rete capillare di 479 negozi su tutto il territorio nazionale.
Unieuro
9 Vicolo Uniera
Unieuro è oggi il maggiore distributore omnicanale di elettronica di consumo ed elettrodomestici in Italia, grazie a una rete capillare di 479 negozi su tutto il territorio nazionale.
Vendiamo alimenti Biologici e Biodinamici ma anche prodotti ecocompatibili di tutti i tipi! Da noi trovi un colorato reparto ortofrutta, prodotti per la persona e la casa, il banco pane e formaggi, i surgelati Bio, tanti prodotti freschi da frigo, per complessivamente almeno 5000 prodotti in assortimento perchè BIOBROTHERS è dove trovi la natura.
Biobrothers
3 Via Boscariz
Vendiamo alimenti Biologici e Biodinamici ma anche prodotti ecocompatibili di tutti i tipi! Da noi trovi un colorato reparto ortofrutta, prodotti per la persona e la casa, il banco pane e formaggi, i surgelati Bio, tanti prodotti freschi da frigo, per complessivamente almeno 5000 prodotti in assortimento perchè BIOBROTHERS è dove trovi la natura.