Stökkva beint að efni

Santa Croce Tanner's Loft

Bernardo býður: Ris í heild sinni
2 gestir1 svefnherbergi1 rúm1 baðherbergi
Allt heimilið
Þetta er loftíbúð sem þú hefur út af fyrir þig.
Ítarlegri ræstingar
Þessi gestgjafi hefur lofað að fylgja 5 skrefa ferli Airbnb um ítarlegri ræstingar. Frekari upplýsingar
Frábær staðsetning
100% nýlegra gesta gáfu 5 stjörnur í einkunn fyrir staðsetninguna.
Afbókunarregla
Tilgreindu ferðadagsetningar til að sjá afbókunarupplýsingar fyrir þessa dvöl.
Húsreglur
Gestgjafinn leyfir hvorki samkvæmi né reykingar. Fá upplýsingar
Il Loft si trova nel cuore di Firenze all'interno della splendida ed affascinante piazza Santa Croce a 5 minuti da tutte le Situato all'interno di uno bellissimo palazzo dei primi del 500 all'interno si trovano dei meravigliosi affreschi, sul soffitto, in stile floreale fiorentino.
L'edificio prospetta anche sul Lungarno delle Grazie, dove meglio si apprezza l'elegante palazzina del fotografo Giacomo Brogi che qui ebbe i propri studi.All arrivo ci saranno 5€ a persona per asciugamani e lenzuola

Eignin
Il palazzo e la strada in cui si trova il Loft richiamano la storia che ha fatto da padrona in questo quartiere.

Aðgengi gesta
Gli ospiti potranno usufruire dell'intero appartamento.

Annað til að hafa í huga
All' arrivo ci saranno da pagare 5euro per persona per lenzuola ed asciugamani da bagno e doccia!
Il check in dopo le ore 20:00 ha un costo aggiuntivo di €20 dopo la mezzanotte di €50

There will be 5euros per person for bedding and bath towels and shower Towels!
The check in after the hours indicated will be supplementary to euros 20 after the hours 20: 00 and Euro 50 after midnight
Il Loft si trova nel cuore di Firenze all'interno della splendida ed affascinante piazza Santa Croce a 5 minuti da tutte le Situato all'interno di uno bellissimo palazzo dei primi del 500 all'interno si trovano dei meravigliosi affreschi, sul soffitto, in stile floreale fiorentino.
L'edificio prospetta anche sul Lungarno delle Grazie, dove meglio si apprezza l'elegante palazzina del fotografo Giacomo Brogi che q…
frekari upplýsingar

Svefnfyrirkomulag

Svefnherbergi 1
1 rúm í queen-stærð

Þægindi

Eldhús
Þráðlaust net
Herðatré
Þvottavél
Straujárn
Sérstök vinnuaðstaða
Hárþurrka
Loftræsting
Ekki í boði: Kolsýringsskynjari
Ekki í boði: Reykskynjari

Veldu innritunardag

Bættu við ferðadögunum þínum til að fá nákvæmt verð
Innritun
Bættu við dagsetningu
Útritun
Bættu við dagsetningu

4,64 af 5 stjörnum byggt á 147 umsögnum

Hreinlæti
Nákvæmni
Samskipti
Staðsetning
Innritun
Virði

Staðsetning

Flórens, Toscana, Ítalía

STORIA:
La strada si era formata, nella città dell'XI-XII secolo, appena fuori dalla Porta ai Buoi nella "cerchia antica" del XII secolo, porta così chiamata poiché all'esterno di essa si teneva regolarmente un mercato del bestiame. Alla fine del XIII secolo ed entro l'inizio del XIV la zona fu inglobata nelle mura di Arnolfo e fu in prevalenza destinata, per la sua vicinanza all'Arno, a tutta quella serie di lavorazioni poco nobili, che necessitavano di un costante afflusso d'acqua.

In particolare su questa sponda si concentravano, fino alle mura, gli opifici dei tintori, coloro cioè che coloravano i tessuti (soprattutto lana e seta), che poi venivano esportati a caro prezzo. La tintura necessitava di ammoniaca per il fissaggio dei colori e questa era ottenuta esclusivamente dall'urina, rendendo le tintorie particolarmente maleodoranti e sgradevoli. Inoltre richiedeva molta acqua per le operazioni di lavaggio e risciacquo. Sebbene la creazione di un'Arte dei Tintori fu cosa tarda e limitata nel tempo, il loro mestiere era indispensabile alle potenti corporazioni dell'Arte della Lana e della Seta, per questo riuscirono ad ottenere la concessione di uno stemma proprio. I Tintori avevano poi, nell'attuale via delle Casine, un complesso di edifici che ospitavano l'Università dei Tintori, lo spedale di Sant'Onofrio, una chiesa e ampi orti. Scavi archeologici hanno rinvenuto in questa zona tracce di vasche di tintura, canali di scolo e forni. Prima della costruzione del lungarno delle Grazie infatti la zona era solcata da prese d'acqua, volte, cateratte, gore e canaletti, in cui l'acqua, macchiata delle più varie tinte e spesso maleodorante, veniva risputata verso l'Arno nella totale assenza di fognature.

Inizialmente la strada si chiamò "Borgo dei Tintori", quali i tipici agglomerati di case lungo le direttrici uscenti dalle porte cittadine. Cambiò nome in "corso" quando vi si iniziò ad organizzare, ogni 12 giugno festa di sant'Onofrio anacoreta, un palio in cui gareggiavano i cavalli, gli asini e i muli utilizzati quotidianamente dal tintori per trasportare le balle dei tessuti. Il palio di Sant'Onofrio non era importante come la corsa dei barberi, ma era, fra quelli secondari, uno dei più seguiti.

Nel primo Cinquecento, fino al 1523, visse in questa strada il Rosso Fiorentino, che qui studiò il cartone dell'Assunzione di Maria nel chiostrino dei Voti della Santissima Annunziata. La sua casa confinava con gli orti di Santa Croce e oggi non esiste più da quando venne realizzata la Biblioteca nazionale centrale. Vasari raccontò un aneddoto sull'artista, che possedeva una scimmia, un "bertuccione", ammaestrato a calarsi lungo una pergola fino ad arrivare a rubare l'uva dei frati. Quando un guardiano scoprì il ladrocinio seguì l'animale e vistolo sulla pergola la scosse "con tal forza, che fece uscire dalle buche le pertiche e le canne, onde la pergola e il bertuccione ruinarono addosso al frate".

Con la perdita di importanza delle attività manifatturiere, dal XVI secolo iniziarono a chiudere le botteghe e la zona fu "risanata" col suggello della costruzione di nuovi grandi palazzi: le attività più sgradevoli vennero confinate nelle zone più periferiche entro le mura.

In Corso Tintori ebbe la prima residenza fiorentina il giovane Gabriele d'Annunzio, in cui soggiornava durante i congedi dal Collegio Cicognini di Prato, presso una donna che lui chiamò "fanciulla Malinconia". La zona e il tabernacolo nella volta dei Tintori furono descritti nell'opera Le faville del maglio. Anche Vasco Pratolini ambientò in questa strada alcune parti del suo Metello (1952).

La strada terminava al Canto degli Alberti, tra palazzo Corsi-Horne, già Alberti, ricordati da uno stemma vicino alla cantonata, e palazzo Mancini. Qui si riuniva nel XVI secolo la Potenza del Signore dei Tintori, una delle potenze festeggianti fiorentine, la quale aveva come stemma un paiolo col fuoco acceso sotto in campo bianco, ovvero il "vagello", usato appunto nel processo della tintura di alcuni particolari colori.
STORIA:
La strada si era formata, nella città dell'XI-XII secolo, appena fuori dalla Porta ai Buoi nella "cerchia antica" del XII secolo, porta così chiamata poiché all'esterno di essa si teneva regolarmen…

Gestgjafi: Bernardo

Skráði sig júní 2017
  • 346 umsagnir
  • Auðkenni vottað
Ciao, sono Bernardo, nato e vivo a Fienze, ho studiato giurisprudenza. Sarò felice di accoglievi e fornirvi tutte le indicazioni per godervi un indimenticabile soggiorno a Firenze.
Samgestgjafar
  • Bernardo Filippo
Í dvölinni
sono disponibile per qualsiasi cosa di cui abbiano bisogno gli ospiti
  • Tungumál: English, Italiano
  • Svarhlutfall: 100%
  • Svartími: innan fárra klukkustunda
Til að vernda greiðsluna þína skaltu aldrei senda peninga eða eiga í samskiptum fyrir utan heimasíðu eða app Airbnb.

Mikilvæg atriði

Húsreglur
Innritun: 14:00 – 20:00
Útritun: 10:00
Reykingar bannaðar
Engar veislur eða viðburði
Gæludýr eru leyfð
Heilsa og öryggi
Loforð um að fylgja ítarlegra ræstingarferli Airbnb. Frekari upplýsingar
Leiðbeiningar Airbnb um nándarmörk og önnur viðmið varðandi COVID-19 eiga við
Enginn kolsýringsskynjari
Enginn reykskynjari
Afbókunarregla

Kannaðu aðra valkosti sem Flórens og nágrenni hafa uppá að bjóða

Flórens: Fleiri gististaðir